fbpx
info@dolomitibeat.it
3 giorni
Da€150
Nome*
Email*
Numero di Telefono
Quante persone*
Messaggio*
* I aggree with Terms of Service and Privacy Statement.
Per piacere leggi e accetta la nostra Privacy prima di continuare.
Lista dei Desideri

Adding item to wishlist requires an account

2223

Perché affidarsi a noi?

  • Siamo 4 AMM Certificati
  • Assistenza clienti attiva 24/7
  • Attività personalizzate e su misura
  • Conosciamo il nostro Territorio e te lo mostriamo al meglio!

Domande?

Potete scriverci per qualsiasi esigenza, se avete dubbi sul Tour o se vorreste organizzarne uno personalizzato per le vostre esigenze, sentiamoci!

info@dolomitibeat.it

wild-trekking-alpago

Wild trekking in Alpago

(1 Review)
  • Data: on demand (da maggio a ottobre)
  • Difficoltà: Medio
  • Equipaggiamento: vedi il dettaglio qui sotto
  • Durata: 3 Giorni
  • 4 - 6 Persone

L’Alpago è una terra fatta di vette e creste aride, all’apparenza indomabili, che degradano a valle su verdi praterie.

Il nostro trekking ha come obbiettivo la traversata da Nord a Sud di una parte di questo magnifico anfiteatro naturale.

Cammineremo attraversando praterie alpine e gli immancabili ghiaioni che le solcano, avvisteremo i camosci, che abitano le alte quote di questo Gruppo montuoso che si erge tra Veneto e Friuli.

Saliremo le vette più panoramiche e alla fine della giornata di cammino ci ristoreremo e riposeremo in tende singole vicino ai bivacchi posizionati sapientemente in luoghi sicuri, forcelle e fondovalle.

Un’esperienza indimenticabile vissuta a due passi da casa, ma immersi in una natura selvaggia che ci aiuterà a rivivere le emozioni dei primi esploratori di queste valli.

 1° giorno: dislivello di 1050 metri

 2° giorno: dislivello 950 metri

3° giorno:dislivello 1000 metri.

Il costo è di 150 euro a persona e include:

-servizio Guida.

-servizio di approvvigionamento dei viveri e acqua potabile ai bivacchi, nei giorni immediatamente precedenti al trekking.

-servizio di navetta dal punto di arrivo al punto di partenza.

La prenotazione è obbligatoria e deve essere fatta entro 10 giorni dalla data di partenza. La caparra richiesta è di 70€/persona.
I posti sono limitati a 6 persone. Le iscrizioni si chiuderanno al raggiungimento dei 6 iscritti.
La prenotazione si intende bloccata al ricevimento della caparra.

Per prenotare potete compilare il Form in questa pagina o contattarci direttamente:

Andrea  Tel. 340 8455744

Punto di Ritrovo

Impianti sportivi comunali, Via Lamaraz, Sant’Anna, (BL), ore 8.00

Equipaggiamento nel Dettaglio

  • Scarponcini o scarpe da trekking in buono stato abbigliamento adatto alla stagione.
  • Zaino contenente: berretto, guanti, giacca, abbigliamento caldo di ricambio comprese calze e intimo. Necessario per igiene personale
  • Pila frontale con blister di batterie extra
  • Thermos con bevanda calda o borraccia con acqua, snack e viveri di conforto
  • Bastoncini, se abituati all'uso
  • Sacco a pelo leggero.
FAQ

Come posso pagare la gita?

E’necessario versare una caparra.

La caparra richiesta è di 70€/persona.
I posti sono limitati (max 6 persone).

È obbligatoria la prenotazione?

La prenotazione è obbligatoria e deve essere fatta entro 10 giorni dalla data di partenza.
La caparra richiesta è di 70€/persona.

I posti sono limitati a 6 persone.Le iscrizioni si chiuderanno al raggiungimento dei 6 iscritti.
La prenotazione si intende bloccata al ricevimento della caparra.

Potete farlo contattandomi direttamente:
Tel. +39 3408455744
Mail: andreavincenzo@dolomitibeat.it

Cosa succede in caso di Maltempo?

In caso di totale impossibilità nello svolgere in sicurezza la gita a causa di condizioni meteo avverse, la gita potrà essere annullata e verrà restituita la caparra.
A discrezione della guida, la gita potrà subire delle modifiche al percorso prestabilito.
Vi avviserò tempestivamente ai riferimenti che mi indicherete per contattarvi.

Posso Cancellare la prenotazione? Entro quando?

In caso di annullamento da parte del cliente:
Se l’annullamento avviene entro 5 giorni dalla partenza la caparra sarà restituita al 50%.
Se avviene 2 giorni dalla partenza, sarà restituito il 70% della caparra.

Chi ti Accompagna

Andrea-Lucchi

Andrea Vincenzo Lucchi

Accompagnatore di Media Montagna

Frequento l’ambiente alpino ormai da molti anni e mi è sempre piaciuto giocare in quel terreno attenendomi alle regole della natura. […]

1 Review
Ordina per:ValutazioneData

Viviana Vizziello

Group Traveller

In questi lunghi mesi asserragliata in una manciata di metri quadri, più volte ho sognato di tornare all’aria aperta.
Sono nata al mare eppure la montagna in qualche modo ha sempre avuto un ruolo importante nella mia vita: è stata da di fatto la cornice dei miei momenti più preziosi, scrigno di esperienze difficili da dimenticare.

Per questo, senza pensarci troppo, mi sono lanciata in una avventura forse un po’ fuori portata, pasto ghiotto per il leone della Serenissima.
Non una mera passeggiata, non una semplice escursione… ben 3 giorni di lungo e faticoso cammino, notti in tenda, tempo incerto, in compagnia di persone mai viste prima.

Non lo nego, gli ultimi metri oggi pomeriggio, percorsi in un maestoso campo fiorito, si sono abbattuti come macigni sulle mie gambe stanche, eppure, neanche per un momento dal primo giorno sento di aver perso il sorriso.

Il sorriso per una natura da capogiro, impervia e generosa, rocciosa ed erbosa, umida e stridente, maestosa e silenziosa. Il sorriso per aver visto i mufloni, sentito le pernici bianche, aver imparato a riconoscere la cacca di lupo, i formicai dei boschi, i cippi della storia, la verga d’oro (V.M. 18 anni).

Il sorriso per essermi saputa arrangiare, per essere rimasta indietro, per aver raggiunto una vetta a quattro zampe, per aver imparato il nobile metodo Culeman e per aver mangiato degli squisiti tortellini alla LucchiVissani.

Il sorriso per essere partita con degli sconosciuti e tornata con degli amici che hanno rallentato quando sono rimasta indietro e vegliato su di me quando le gambe iniziavano a pesare, che mi hanno presa per mano quando ho fatto i capricci, che mi hanno accusata di russare ingiustamente, contro ogni prova materiale.

Il sorriso perché mi ci voleva proprio una esperienza così, semplice e complessa, sincera ed avvincente, vera e mai banale. Non scherzo se dico che vorrei che domani fosse di nuovo venerdì per rifare tutto ancora una volta. Penso che dovremmo farla tutti una esperienza così almeno una volta della vita solo per ricordare a noi stessi che siamo parte di qualcosa di più grande che prima o poi ci richiama a sé e che troppo spesso ignoriamo per amore della comodità.

Grazie Andrea, grazie Dolomiti Beat: non dimenticherò facilmente questi 3 giorni (né tantomeno la ricetta per fare lo sciroppo al pino mugo).

Maggio 31, 2020